Disclaimer

Standard
Disclaimer

Hi, this is a short introduction that will stick to the top of the page to remind you that the entire content of this blog dates back to a long time ago. I will probably update it from time to time with more recent content. However, I need my readers to keep in mind that they are going to read about chunks of my life that belongs to the past. I find that some thoughts might be worth a try. I hope you’ll enjoy.


Ciao, questa breve introduzione rimarrà fissa all’inizio della pagina per ricordarvi che tutti i contenuti di questo blog risalgono a molto tempo fa. È probabile che li aggiorni in futuro, aggiungendo qualche riflessione e contenuti nuovi. Tuttavia, quello che leggerete di seguito sono frammenti del mio passato che a quel periodo appartengono. Ad ogni modo, trovo che alcune delle riflessioni fatte allora si meritino almeno un’occasione per essere lette. Spero che, alla fine, lo penserete anche voi.

Advertisements

Hi, my name is…

Standard
Hi, my name is…

Oggi vi vorrei presentare Silvia. Silvia è una ragazza che scriveva regolarmente fino a qualche anno fa. Tutto è iniziato con il sogno di diventare giornalista, poi trasformatosi in un altro sogno, quello di frequentare la scuola interpreti.

Nel lontanissimo 2008, Silvia gia frequentava la suddetta scuola, tuttavia non aveva messo da parte la passione per la scrittura. E quindi ha continuato, anche piuttosto regolarmente, un po’ per se stessa e un po’ per gli altri.

Dopo un periodo piuttosto buio, in cui la scrittura aveva perso il  potere curativo che aveva avuto fino a quel momento, Silvia ha capito che ciò era dovuto all’essere riuscita a mettersi alle spalle una delle sue più grandi preoccupazioni. Adesso, se ne profilava un’altra all’orizzonte, ma quello che Silvia scriveva riguardo a questa non sentiva di poterlo condividere.

Due anni dopo quel periodo pessimo, in cui nemmeno la scrittura si è rivelata essere d’aiuto, Silvia si è ritrovata a leggere un pezzo scritto di suo pugno e vecchio di sette anni. E, improvvisamente, ha deciso che c’era una parte di sé che avrebbe voluto far tornare alla luce. Due anni dopo quel periodo pessimo, nonché sei primavere più tardi rispetto alla data di quel fatidico post ritrovato, Silvia era consapevole che ora sarebbe stato difficile curare la sua preoccupazione più grande con la scrittura, tuttavia erano in troppi a non conoscere quella Silvia e lei sentiva di doversi rivelare oppure, in taluni casi, di farsi riscoprire.

Ed ecco che io oggi ve la presento, questa Silvia, e vi chiedo, se mai vi capiterà di imbattervi in nomi e cognomi, parole strane e concetti ancor più bizzarri formulati nei lontani 2008 e 2009, di darle il beneficio del dubbio, di tenere a mente che certe cose sono state scritte in una fase post adolescenziale ormai più che superata (ma non per questo rinnegata) e di lasciarvi stupire da altri contenuti, successivi, più lontani nel tempo, i contenuti per cui io, oggi, penso che Silvia sia degna di essere presentata.

Hi, my name is Silvia, and here’s something about me I’d like to share with you 🙂

Creative Writing Exercise n. 5 – How do you use those words?

Standard

My father is a weird man. He likes mist and snow. He would never stand a holiday on a sunny beach, not even in the summer (well, I mean, it is actually when you go on holiday on a beach :P).
This has always caused a lot of arguments between my parents. My mum is my father’s complete opposite. She likes hot weather, sunny days and the seaside. And she is the leader of our family. That is why we have always spent summer holidays on the Côte d’Azur in France. Up to last
summer.
My father and my elder brother Danny managed to trick my mother and me making us buy they had booked an unforgettable cruise to the Maldives.
My mother and me were literally euphoric, we could not wait for it. And since the men had told us about their gift with great anticipation, we started packing in March.
It must have been such a funny game for my father and Danny because my mother and I – poor naive women – could not even imagine what our beloved relatives were planning.
Months passed and finally the day came. On a hot Tuesday morning of the hottest summer I had ever experienced, the whole family left to the harbour.
It must have been so easy for dad and Danny to pack all the winter stuff especially because, as my mum and I started packing, we were storing winter things away at the same time. So, dad and Danny must have found out where we had put them and easily taken and packed them. My mum and I had to think of much more important things.
It took a couple of minutes to my mum and me to actually realise we were not driving to the harbour at all but to the airport instead.
“What are you doing dear?” my mother asked. Her voice was already on the “I’m going to get furious if you don’t give me the right answer in a couple of seconds” – tune. My father quietly replied: “To the airport my darling.”
My mum did not dare speaking any longer. She could just not believe my father – the thought she knew better than anyone else – had deceived her. Danny and I were silent as well. He was secretly laughing – I could see how difficult it was for him not to simply burst into laughs – and I could not understand why. I was too puzzled to say or think of anything.
We finally got to the airport. My mother and I followed my father and Danny, who apparently knew quite well what they were doing. We saw them taking our luggage out of the car and we immediately recognised that it was a different set from the one my mum and I had packed together.
“I am really curious to know what on earth he has planned and why he is behaving like this!! And look at Danny! He seems to have been aware of everything all the time! This is a conspiracy, a plot to ruin my wonderful cruise!” said my mother almost crying with anger.
I had already been at the airport several times because we always travel a lot and I myself love travelling on my own too. Yet, I had never noticed the sculpture standing in the hall. It was a horse standing on its back legs, its hair lifted by the wind. It just made me think of a single word: FREEDOM.
And suddenly, I understood what was happening. We were to catch a flight to Himalaya. Well, okay, of course it was not Himalaya the place where we would land but dad told us in a neutral tone we could even forget the cruise because that time we were going to have a my dad’s-style holiday. We were going to Himalaya, to get some fresh air and to try to understand the evolution of our family. When he said this, I barely grabbed the meaning of those words so when I felt breve enough to ask he told me: “My dear, we have to acknowledge there is something wrong with our family. We seem to be the happiest family ever but we are not. Look at your mother and me. Do you think we are what people would normally call ? And you and Danny… Well, you are just victims. I first told Danny about my worries because, you know, he is a man… But now, I find it quite easy to tell you too. You are a smart young woman and of course you’ll get my point. You’re quite different from your mother. Oh, well, to be honest, your mother was like you when I got to know her…”
And when he said that I knew he was right.

Creative Writing Exercise 4 – The dogs / whatever pet you remember the most.

Standard

 

My sweet and fat cat ^_^

Cats! I don’t mean the musical, I mean CATS, my favourite pet. Cats might seem quite selfish and posh. They are said not to be such a good company because they prefer staying on their own. Cats just approach you when they’re hungry and their bowl is empty. So the stereotype goes.
It may not be a stereotype, there may be some truth in that but cats actually give you more satisfaction than it may seem.
I have a cat and I just love her! I must confess my whole family think she is another of us, that’s why I refer to my cat by “she” and not by “it”. I don’t actually know what cats have which is so special (–> is it okay to say so??? :s) for me and why I love them all so much. Probably, it’s because I have one and you tend to see things differently if you experience them. I mean, having a cat you discover how they are really like. It may happen that your cat is a stereotypical one but it also may not. 🙂 What I do know is that when I see a cat by chance wherever it is and no matter where I am and what I’m doing I can’t help cry out loud “cat!” A friend of mine is used to doing so and I’ve just taken up her habit. =)
Another thing I do know is that I turn white at the very thought of losing my cat. My cousin had one and when she (the cat) got too old and ill the vet injected something in her veins (the cat’s) and she (the cat) fell asleep forever. My cousin cried for I don’t remember how long. Then, she was given another cat as a present and she eventually managed to love and take care of this one as well.
My cousin’s late cat has been the very first cat I got in touch with but we didn’t have such a wonderful relationship (the cat and I). That’s why I was a bit scared of those pets and I hadn’t paid too much attention to cats until I had one. And when sometimes at night I dream of losing her I get so scared and sad. The first time I had such a nightmare I burst into tears. It was horrible. I couldn’t bear such a thought. Even if, of course, I’m aware one day it’s going to happen. I know it’s a sad and – maybe – cruel thing to say (it is macabre for sure) but it’s always better to be prepared to such things. That’s life guys.
Anyway, just to make the atmosphere pleasant again, I’m going to upload a pic of my sweet fat cat. =) Hope you’ll like it. (Okay, it was supposed to be at the end of this post but apparently I’m not able to put it wherever I want =D)

Creative Writing Exercise 3 – Stream Of Consciousness

Standard

I was not ready for this exercise, I thought the first part of the lesson would be about essay writing, that’s why I drank coffee. Yet now, I’m here, writing on stream of consciousness and as soon as I heard the teacher saying: “Okay, stream of consciousness exercise!” I thought “Great! I’m gonna write about all I wanna do in the next few days. Just because the thought makes me so happy and excited!”
And anyway, I’m gonna enjoy a wonderful evening at the cinema right tonight. HP 7 Part 1! In English! In a German cinema! Would you believe it without me telling you there actually is a preview in English here in Cologne (Mon. 22 Nov. 2010: yes, you probably would… :P)? Well, believe me! I just hope I’ll be there early enough to get a ticket (Mon. 22 Nov. 2010: I got the LAST one =D). I’d be very upset if I didn’t get one!
Yet this week is turning out (can you say that in English??) to be a good week. I’m gonna do so many interesting things on Sat! I’m gonna take pictures and I’m gonna visit some museums (Mon. 22 Nov. 2010: I visited just one but it was enough =D). Soooooooo exciting! I am looking so bloodily forward to it!
Anyway, as I was saying, this week is turning out to be a good one. Yesterday, I got some positive feedback from one on my English teachers here in Cologne (well, she’s my favourite one! I just worship her, love her, adore her, venerate her! I’d burningly like to bring her home with me or to make her my BFF – one of the many –> (Mon. 22 Nov. 2010: again) can you say that in English? Don’t think so yet I won’t share this piece of writing this time (Mon. 22 Nov. 2010: I’m doing it now, with you, poor guys =s) so I can write whatever I want to!! 🙂
And well, she suggested me to come back here and do an MA. Yet, I actually would like to see some new places, to go back to Sweden, to make new acquaintances (oh well, I can easily – almost – get to know new people here as well; it’s just that I would like to change air –> again, I’m not sure of the correctness of this expression. Anyway, it doesn’t really matter that much! (Mon. 22 Nov. 2010: I actually do think it does but since it wasn’t supposed to be shared, it didn’t =D)
Okay, now my mind seems to be empty. I must upload it again… Let’s see… What can I write? Oh yes! I got it! I still have so many things to do tomorrow but I won’t have time to do them today (Mon. 22 Nov. 2010: that’s why I had planned to do them the day after… so silly I am sometimes =s) because I just have to go straight to the cinema. Otherwise, I won’t be on time and I would never ever be able to forgive myself for this (Mon. 22 Nov. 2010: and I was toooootally right =D).
So, I must remember to bring everything tomorrow and print all the material I have to print. I forgot my pencil-case at home this morning and have had no time to go back and bring it. So I’ve been spending the whole day borrowing pens from whoever was sitting next to me. (Mon. 22 Nov. 2010: besides, there was my USB pen-drive in it with all the things I had to print…)
Oh my goodness, I’m too excited about HP 7!! Hope it’s not gonna be disappointing (Mon. 22 Nov. 2010: it wasn’t AT ALL!!!). I think it’s because of the coffee!! I must have been sure the first part of the lesson was about essay writing! I’m gonna fall asleep next hour and I hope I’ll be awake at the cinema (Mon. 22 Nov. 2010: I was actually falling asleep at the cinema but HP totally woke me up again!!)…
Okay, let’s try to be sensible this time and write something logic… Aha! Yes, of course I can do it! No, I’m hopeless. I don’t have anything to tell. I just don’t want to start thinking about something specific and get into a bad mood. I’m okay now and I don’t want to take the risk of making things worse (Mon. 22 Nov. 2010: is the preposition correct? According to the Oxford Advanced Learner’s Dictionary it seems to be okay =D). I think I’ll have to go to an ATM and get some money because after the movie I won’t have any left. I had to upload my mobile phone card this morning and apparently there is no way to charge it with less than 15€. I had 20€ so now I just have the money for the ticket and nothing more (Mon. 22 Nov. 2010: which actually may well not interest you. Moreover, talking so openly about money issues could be seen as something quite weird… But what is not weird about me??).

How sad… I feel I’m spending so much money here and I don’t do anything to earn some. Well actually, I DON’T. 😦 It’s not just a feeling. It’s the very truth. […] (Mon. 22 Nov. 2010: I just can’t get what I wrote. My handwriting always gets worse than it usually is during these exercises… I can’t write so fast as my thoughts go so it’s always a mess!!) I must get off the U-Bahn at the right stop this time, which I didn’t do yesterday. I was late and I also dared miss the right stop. Well, I coped with that easily actually. Yet today, it is of vital importance to get off at the right stop. I’m gonna be in a part (????) of Cologne I’ve never seen before.

Cose da fare nelle prossime settimane

Standard

Vi volevo mettere a parte dei miei progetti nel futuro prossimo qui a Colonia. Allora, innanzi tutto devo comprare gli stivali figheiri per tutte le stagioni, che non costano nemmeno troppo, sono alti abbastanza ma comodissimi… Meglio di così cosa volevo trovare?? Una volta ottenuti quegli stivali, mi adoprerò a tornare a Düsseldorf, che è la Parigi della Germania, e a fare un giro per le vetrine civili che ci sono (oggi ci siamo andate e ho finalmente respirato un po’ di cultura della moda! Qui a Colonia non ci sono dei negozi costosi E civili. Ci sono un sacco di negozi bellissimi e abbordabili, ma Bulgari e Louis Vuitton sono siti in location poco strategiche e decisamente poco attraenti. Ergo, trovato un posto come Düsseldorf dove le location sono perfette, l’illuminazione pure e la distesa è parecchio abbondante NON si può NON andarci!!!!)

Poi devo andare a teatro a vedere uno spettacolo natalizio molto particolare, comprare un saaaaaaaaaacco di regali di Natale ai mercatini e in libreria e poi farmi da sola i miei regali di Natale. Direi che non è il caso di chiederne altri a mamma e papà dato che qui me ne sto veramente facendo tanti tanti 😀

Altro? Sì, ovvio, la prossima settimana la mia intenzione è andare a scoprire e immortalare bei luoghi di Colonia. In primis devo fotografare degli scorci architettonicamente interessanti e poi dedicarmi a tutto quello che vedo che mi sembra degno di uno scatto. Ancora non ho fatto alcuna foto e mi sembra davvero poco professionale. Devo assolutamente recuperare e sarà presto fatto. Prima e dopo Fatburner mi armerò di macchina fotografica digitale e ombrello eventualmente (dato che qui la pioggia è uno status quo .-.) e cercherò di ottenere il materiale per un bell’album da faccialibro e da ricordo dove taggherò il mio amico architetto-to-be 🙂

E poi… Ah, sì! Devo andare allo zoo! E devo anche andare in qualche museo, ancora non ci ho messo piede e direi che essendo novembre (per me qui a Colonia) il mese dedicato alla cultura, beh, non posso trascurare i musei. Così come non trascurerò Harry Potter la prossima settimana, devo solo trovare un cinema decente dove non bisogna vendere un rene per un biglietto! Io pensavo che i cinemI (ghghghghg) qui a Colonia fossero più economici e invece scopro che per gli studenti le riduzioni sono in giorni e a orari ASSURDI!!! Davvero, come fa uno STUDENTE ad andare al CINEMA il GIOVEDI’ e il VENERDI’ PRIMA delle CINQUE di POMERIGGIO!?!?!?!?!?!? Daiiiiiii! Ma generalmente gli STUDENTI a quell’ora sono a STUDIARE!! All’università di sicuro! E per i liceali credo ci siano altre riduzioni, ergo, non ha assolutamente senso dire che riducano il biglietto agli studenti se poi gli studenti non ci possono andare per motivi di studio! (Tra l’altro, adesso che ci penso, sul sito del Cinedome – il cinema di Colonia di cui sto discutendo – c’è esplicitamente scritto STUDENTEN, che in tedesco si riferisce SOLO agli studenti universitari… :S) Cooooooooooomunque, diciamo che di cose da fare ne ho! In effetti non vedo l’ora che venga il sabato, che è un giorno in cui letteralmente mi sbizzarrisco alla ricerca di cose, posti, angoli, misteri che Colonia mi può offrire. Sono molto irrequieta ultimamente e non riesco a stare nè ferma nè tantomeno chiusa in una routine. Quindi ogni volta cerco nuovi percorsi, passeggio per strade un po’ nascoste e mi giro a piedi questa bella città che in realtà sa deludermi solo di rado. E per fortuna.

In definitiva sono contenta di essere qui. Cerco di vivere questa esperienza sia in modo personale, sia in compagnia. Beh, purtroppo in questo senso la compagnia si rivela il più delle volte femminile e non sempre sempre graditissima. Non possiamo andare sempre tutti d’accordo con tutti. E continuo a pensare che se certe persone non si sono frequentate per un bel po’ di tempo, nonostante cmq si andasse nella stessa università, e quindi bene o male si avesse la possibilità di vedersi anche per caso, ma non ci si salutasse nemmeno, direi che un motivo DEVE esserci. Al caso ci credo in generale molto poco, quindi tendo a pensare che c’è sempre una ragione per tutto. Credo che la mia esperienza personale me lo abbia fatto capire con gli anni. Non sono ancora molti i miei anni, però un ventennio ormai è passato da che sono arrivata nel mondo e qualcosina – davvero poco però – ho cercato di capirlo. Non so quanto queste mie intuizioni siano corrette cmq tendo ad applicarle e finchè non trovo la prova contraria, beh, non posso fare altro che questo.

Ma tornando al mio vivere la città un po’ da sola un po’ in compagnia… A Colonia si respira l’amore, lo sapete? Ci sono coppiette ovunque! Persone che si amano e che girano mano nella mano, si baciano in metropolitana come se attorno a loro non ci fosse nessuno. Persone che hanno trovato l’una nell’altra il proprio universo e che sono quindi in pace con tutto il resto. Io non spero, o meglio sì lo spero ma non mi faccio troppe illusioni, di trovare presto il mio mondo in qualcun altro, anche perchè credo voi conosciate il mio più grande difetto: ovvero di infilarmi nelle situazioni più comiche e insignificanti possibili e credere che siano LA GRANDE OCCASIONE. Lo faccio sempre, non mi smentisco così facilmente e purtroppo non imparo mai dalle batoste passate. E dire che ormai dovrei aver capito anche questo! Ecco perchè non mi fido delle mie intuizioni! Perchè nella maggior parte dei casi commetto gli stessi errori, again and again, imperterrita. E’ come se avessi il salame sugli occhi e non riuscissi proprio a vedere più in là del mio naso. Tra parentesi (figurativamente parlando) sono – come ormai sapete – vegetariana per cui direi che devo adattare questo modo di dire e perciò sugli occhi io ho l’insalata invece che il salame U_U

Beh, cmq, a me le coppiette che incontro per Colonia fanno tanta tenerezza, davvero, mi piace vedere che nel mondo l’amore c’è e ce n’è anche tanto. Solo che spesso andiamo troppo di fretta per vederlo. Oppure lo vediamo ma siamo troppo stanchi per osservarlo attentamente, inclinare leggermente il capo e dirci: “Caspita! Ma questo è… ma sì! E’ proprio quello che penso! E’ AMORE!!! E’ il più bel sentimento che esista ed è qui! Davanti ai miei occhi!!!” Il mondo ci ha reso troppo frettolosi, troppo occupati, tant’è che io per non pensarci all’amore provo ad avere sempre miliardi di cose da fare. Anche l’Erasmus in realtà era per me un modo per fare qualcosa. Qualcosa che potesse allontanarmi dal pensiero dell’amore che, però, rimane sempre lì. Qui poi non potrebbe essere diversamente. Non mi sto vantando di essere una delle poche creature elette che merita di vedere l’amore e lo vede e lo osserva e lo capisce etc etc (anche perchè la mia vita testimonia esattamente il contrario) però diciamo che cerco di accorgermene. E mi succede spesso. Purtroppo o per fortuna. Più verosimilmente purtroppo. Perchè poi quando si tratta di me non sono capace di accorgermi di come stanno realmente le cose. E nella quasi totalità dei casi finisco per vedere l’amore anche dove non c’è. E quando invece c’è… Quando invece c’è non lo voglio vedere. Perchè non mi piace quello che vedo. Perchè anche io ho precluso occasioni a qualcuno. Ora, dato che l’amore nella mia vita non sono proprio proprio una grande esperta nel fiutarlo, può darsi che in realtà non abbia precluso occasioni proprio a nessuno perchè nessuno stava cercando un’occasione. Ma se per caso, ma proprio per assurdo, sia davvero esistito – o, con ogni probabilità, esista ancora dato che così vecchia non sono 😛 – qualcuno che quell’occasione la volesse e la cercasse, beh allora devo onestamente dire che anche io mi sono adoperata per precluderla. Ed è anche questo che mi fa soffrire a volte. Mi dico: “Ma cosa vuoi l’amore tu se quando te lo presentano su un piatto d’argento puntualmente dici di no!” Mi rimprovero molto per questo motivo. Ora, non che sia successo chissà quante volte, ma temo che io stia aspettando qualcosa o qualcuno che non arriverà mai. E non perchè non esista, ma perchè sento di stare cercando la perfezione in qualcosa che perfetto non può essere. Mi spiace tanto, ma non sono capace di ridimensionare le mie aspettative. E’ proprio questo il punto problematico! Io ho delle aspettative! Ho degli ideali! Dei sogni! E i sogni si pagano pure quelli! Si pagano con il dolore, la disillusione, la DElusione…  Scusate, non avevo intenzione di diventare così malinconica, semplicemente sono cose su cui mi viene da riflettere man mano che scrivo, sapete che lo stream of consciousness è la cosa che mi piace di più in assoluto… Scrivere così, di getto, tutto quello che mi passa per la testa. E per il semplice motivo che se lo faccio restare in testa, impazzisco. Semplice. La carta è paziente, le dita sono abbastanza veloci per stare dietro alle parole che vengono fuori così una dietro l’altra, come da un ruscelletto sito in un ameno boschetto dalle parti della… ma sì, sempre quella, della Svezia 😀

E cmq, dato che ho graficamente cambiato paragrafo, dovrei aver cambiato paragrafo anche nei miei pensieri. In realtà vorrei riprendere il discorso di prima – sulle note dell’antonacciana Sappi Amore Mio, ho sempre adorato iTunes e l’iPod che scelgono le canzoni quasi come se fossero capaci di sentirmi… ma forse semplicemente è perchè sono le canzoni che ho scelto io e che quindi si ricollegano per la maggior parte a quello che è il mio motore, l’amore (e ho fatto pure la rima :P). Tanto per riprendere il discorso di prima, forse, che cosa devo dire di più? Che mi pongo delle domande e anche spesso. Mi chiedo cosa voglio realmente dalla vita. Se l’amore è quello che voglio. Se è quello che merito. Se il passato a volte possa ritornare (no, sbagliato, il passato non ci abbandona mai! Dovrei averlo imparato grazie a Max! Ma come vi dicevo spesso le lezioni che la vita, o qualunque altra cosa possa dare lezioni, mi dà non riesco effettivamente ad applicarle nella praticità quotidiana). Se sarò capace di riconoscere quello che voglio. Se avrò abbastanza pazienza per aspettare. Se, prima che la mia vita termini, riesca a fare nuove esperienze che non siano semplicemente legate a dei luoghi e a degli oggetti o a delle conoscenze, bensì che siano legate ad altri esseri umani, possibilmente dell’altro sesso. Ci sono tanti interrogativi nella mia esistenza, tutti i giorni finisco per pormi delle domande. Che, voglio dire, non è nemmeno tanto male, però dovrei cercare di ottenere delle risposte oppure di mantenere lo stesso umore – positivo il più a lungo possibile – per un periodo di tempo considerevole. Vorrei essere euforica oppure sicura di me oppure qualunque altra cosa riesca a essere per un lasso di tempo degno di nota. Non cambiare umore ogni cinque secondi come se fossi perennemente in sindrome premestruale (perdonate la schiettezza, ma in fondo è la natura delle cose. Sono cose che succedono NATURALMENTE e si può digerire questa uscita anche come una pura informazione clinica). Invece no, cambio umore ogni cinque secondi, un giorno comincia in un modo e c’è caso che finisca in maniera opposta. A volte proprio non mi sopporto, altre volte mi sento onnipotente, altre volte ancora mi vorrei sotterrare, altre volte ancora non lo so nemmeno. Sono irrequieta, squilibrata – nel senso che difficilmente trovo un equilibrio, non che sono la pazza di turno di The Shining ghghghghghgh. E non trovo una stabilità. Anche tutta questa frenesia nel girare, nel provare il nuovo, nel cercare appositamente il nuovo, nel voler sempre scoprire e molto spesso cose davvero poco degne di nota. Il nuovo deve essere ovunque perchè io riesca a stare bene. Non riesco a sopportare la routine. Non riesco a passare le serate sempre allo stesso modo. Non mi va di mangiare sempre le stesse cose a colazione, non mi va di mangiare per due giorni di seguito lo stesso menu, non mi va di fare sempre gli stessi esercizi a ginnastica (e infatti non li facciamo mai uguali alla volta prima ed è anche per questo che mi piace sempre di più), non mi va di andare a fare la spesa nello stesso posto per due volte di fila, non mi va di comprare sempre le stesse cose da mangiare, di usare tutte le sere lo stesso bagnoschiuma, di avere un giorno dedicato alle pulizie e uno alla spesa e non cambiarli mai. Non mi va di mangiare fuori sempre nello stesso posto piuttosto che lo stesso dolce, piuttosto che prendere sempre solo un latte macchiato o un cappuccino. Non mi va di prendere sempre la stessa metropolitana e scendere sempre alla stessa fermata. Ecco perchè cerco di esplorare quello che posso esplorare a piedi. Ecco perchè ho sempre la smania di comprare cose nuove. Ho bisogno di novità nella mia vita perchè per ora non ce ne sono da raccontare e questa mancanza la colmo spendendo quello che posso per comprare le cose più nuove e più diverse. E adesso i miei pensieri si sono inaspettatamente fermati. Ho terminato di compilare la lista delle cose nuove che mi piace fare e di quello che non deve essere uguale nemmeno due volte – quantomeno non di seguito – e mi sono ritrovata con la testa completamente vuota. Vedete? Ho ragione a dire che scrivo a seconda dei pensieri che mi passano per la testa, senza un filo logico. Le parole escono fuori una dietro l’altra senza che io riesca a controllarle – aspettate che cambio canzone :P, ecco fatto – e io le scrivo. Quello che esce fuori dalle mie dita è esattamente, per filo e per segno, quello che ho in testa. E non solo semplicemente come lo penso, bensì anche come lo vedo. Se una cosa la vedo maiuscola o la leggo con un’intonazione particolare – e sì, perchè mentre scrivo riesco anche a leggere e vedere e pensare – allora la scrivo nel modo in cui la visualizzo. E adesso di nuovo non ho più niente da dire. E non ho voglia di smettere di far scorrere le dita sulla tastiera. E’ una sensazione bellissima. Mi piace tantissimo scrivere al pc. La carta purtroppo non mi dà più queste soddisfazioni, per il semplice fatto che ci metto di più e mi stanco prima. Al pc invece riesco a pensare e scrivere contemporaneamente ed è come se suonassi una sinfonia al pianoforte. Mi muovo anche come se stessi suonando. Il mio corpo segue i movimenti fugaci delle dita e della mente. Gli occhi seguono le singole lettere come se uscissero spontanee dallo schermo, una dietro l’altra mentre invece sono le dita a rigurgitarle, come se rimettessero ciliegie intere. Una tira l’altra, ma invece di mangiarle, le dita le offrono allo schermo, ai miei occhi e infine, una volta che le ciliegie sono state tutte sverminate, anche a voi. E spero sempre che quello che suono/scrivo sia di vostro gradimento e che vi permetta di conoscermi meglio. E che riusciate a capire un po’ di più come e chi sono, chi divento, quello che mi succede, quello che sento, come mi sento. Il mio umore, i miei sogni, i miei progetti, le mie speranze e le delusioni. Sì, vi sto offrendo la mia vita. Non a tutti, o almeno ci provo. Il fatto è che è tutto quello che ho da dare. Me stessa, quello che mi succede, quello che sento, quel poco che so fare. Non so se lo faccio bene, ma scrivo. E quando sono sul palco recito. E’ tutto quello che so fare. Non altro. E tra l’altro magari lo faccio pure male. Ma ci provo. E mi dispiace se vi deludo. Mi piacerebbe che foste in qualche modo e per qualche motivo oscuro orgogliosi di me.

Vorrei che tu fossi orgoglioso di me. Chiunque tu sia. Ovunque tu sia. In qualunque momento a me ancora ignoto tu ti paleserai. Vorrei che dicessi: “Look at that girl! Isn’t she gorgeous? Well, she’s my… whatever – you, I guess YOU ALL know what I mean 😉 ” Vorrei che lo dicessi quando non lo sento. Alle persone alle quali tieni di più. Vorrei che facessi sapere loro che tieni a me in un modo particolare. Che non tieni meno a loro perchè tieni anche a me. E che vuoi che coloro ai quali tu tieni e i quali tengono a te tengano a me quanto tengono a te. Vorrei che tu mi guardassi negli occhi e che solo il tuo sguardo mi facesse capire quello che provi. Vorrei che il mio sguardo ti facesse capire quello che provo. Vorrei che non ci fossero parole, ma solo silenzi, silenzi pieni di noi. Sguardi e profili. Vorrei che ci fosse un abbraccio e che tutto quello che abbiamo da dirci lo contenga quel tenero gesto. Vorrei che tu e io fossimo il nostro mondo. Vorrei sedere con te in metropolitana e fare finta di essere soli. Vorrei passeggiare tra milioni di persone e non vederle, perchè vedo solo te. E vorrei che tu passeggiassi con me tra milioni di persone e non le vedessi, perchè vedi solo me. Vorrei che la sera ci stringessimo forte forte e non ci lasciassimo fino al mattino dopo. Vorrei ci dicessimo buona notte con un bacio e buon giorno con un altro. Vorrei viverti il più a pieno possibile. Vorrei alzarmi tutte le mattine, anche le più grigie, con te accanto e ringraziare il Cielo perchè ti ho. Vorrei che tu ringraziassi il Cielo perchè hai me. Vorrei che – chiunque tu sia – mi facessi sentire la più bella del mondo, non perchè me lo dici, ma perchè ogni giorno mi scegli di nuovo e mi guardi con occhi pieni di felicità perchè è proprio me che hai. E io vorrei prendermi cura di te, vorrei stringerti forte quando sei triste, farti addormentare come un bimbo, vorrei tranquillizzarti se fossi impaurito o preoccupato. Vorrei imparare a lasciarti solo o con chi tu avessi bisogno di stare se mai volessi stare solo o con qualcun altro e sapere che non è perchè non provi più niente, ma perchè ogni tanto ognuno ha bisogno dei propri spazi. Vorrei che mi insegnassi a essere una persona migliore e vorrei esserti grata di questo. Vorrei essere tanto per te. Vorrei che tu fossi tanto per me.

Ecco, questo la mia testa si è messa a pensare a un certo punto. Non so a chi tutto questo possa essere riferito. Inutile provare a capirlo perchè proprio non c’è speranza di cavarne fuori qualcosa. So solo che mi è venuto spontaneo scriverlo. Fare sapere a voi e a lui – se lui è tra voi e per una qualche strana coincidenza capisce l’italiano o si incuriosisce e si fa tradurre il tutto da qualcuno o da qualcosa, questo perchè non è detto che debba per forza essere italiana questa persona X – tutto questo. C’è molto altro spero. Beh, spero ci sia rimasto. Diciamo che quella dichiarazione è un’altra di quelle cose nascoste nei miei sogni. I sogni son desideri, dicevano. E dicono anche che i desideri si devono esprimere senza dirlo agli altri, altrimenti non si avverano. Ma che ne so in fondo? Magari si avvera lo stesso. Non so quando, devo solo aspettare. Pazienza. Devo avere tanta pazienza. Tutto qui. Il segreto sta tutto qui. Sometimes, you just need to start again in order to fly. Scusate, ma Alicia Keys insegna 😀 Magari non c’entra molto e magari non è nemmeno quello che dice, ma Doesn’t Mean Anything è esattamente quello che ho in mente. From above, seems I had it all, but it doesn’t mean anything since you’re gone. Vorrei cantare, ma non riesco a cantare, pensare e scrivere. Sarò anche multitasking, ma non così tanto. Per raggiungere questo livello temo avrei bisogno di due cervelli XD

E cmq, sarebbe anche il caso di andare a letto no? Ma non ho voglia di smettere di suonare, stasera riuscirei a scrivere all’infinito. Non credevo di riuscirci in realtà, non mi sentivo ispirata, a parte per l’idea sulla lista delle cose da fare qui a Colonia prima di tornare a casa per Natale. Diciamo che la lista è più per me che per voi miei cari adorati lettori – esistenti? Boh, non ne sono mai tanto sicura… – e che mi serve per ricordare tutto quello che ho intenzione di fare. Devo cercare di non perdere l’attitude giusta. Perchè se perdo la verve, allora tutto quello che ho scritto di voler fare non avrebbe più senso farlo. Fare le cose senza un minimo di emozione, un minimo di entusiasmo, beh, dà come risultato il completo fallimento di quello che si sta facendo. E infatti la mia esperienza qui (che non chiamo col suo vero nome perchè mi scoccia pigiare la freccia per scrivere con la maiuscola senza un punto prima -.-‘ sono scema, sì, lo so) non è cominciata proprio nel migliore dei modi… Ero davvero disperata. Ma adesso va mooooooooooooltissimo meglio. Non voglio mettere troppo le mani avanti, però diciamo che mi sono stabilizzata un po’ di più rispetto alle prime settimane. E cmq era anche ovvio, bastava che aspettassi. Come per qualunque cosa. Per qualunque cosa basta aspettare un po’, avere pazienza e prima o poi arriva. Lo so, o almeno la mia esperienza mi ha insegnato così. Non so se mi ha insegnato bene, se i precetti che ha cercato di trasmettermi (beibringen, l’ho imparato oggi per caso, è meglio che me lo scriva così non me lo dimentico) mi sembrano portarmi in questa direzione. Cmq potrei anche avere misverstanden e preso fischi per fiaschi. Non si può mai sapere in realtà, con i tempi che corrono prendere lucciole per lanterne è facile (mamma mia! Evviva i proverbi! Dai che ce ne mettiamo un altro appena ci sta 😛 Ma, aspettate un attimo, è lucciole per lanterne o viceversa? Adesso mi documento… Sì, è giusto lucciole per lanterne :D. La precisione è tutto, assieme a un mucchio di altre cose, nella vita U_U) E va beh, questo è tutto quello che mi è venuto in mente di dire. Una serie di associazioni libere che apparentemente non c’entrano l’una con l’altra ma, come si dice, il mondo è bello perchè è vario (ed è veramente vero).

Allora, è ora di andare a nanna? Forse sì, tenuto conto che non riesco a fare i piatti stasera, o meglio non c’ho mezza voglia di farli (e in realtà poi li ho fatti :P), il che è profondamente diverso U_U. Mi spiace, forse non sono una gran casalinga, il fatto è che domani mattina potrei avere un po’ di tempo, sempre che vada a letto presto (beh, diciamo ormai il prima possibile) e quindi riesca ad alzarmi a un orario utile che mi permetta di fare i piatti, andare a prendere il Bancomat alla Sparkasse qui vicino, andare all’università, seguire la lezione che devo seguire, caricare la tessera per fare la lavatrice, mangiare, fermarmi all’uni per fare un po’ di compiti, tornare a casa, preparare la cena, consumarla&telefonare a casa, controllare se le cose che mi serve che la mamma mi prenda dalla biblioteca di Bologna effettivamente siano a Bologna senza farle fare dei giri per l’anima del piffero, farmi la doccia, lavare i piatti, dormire e svegliarmi il giorno dopo bella pimpante per affrontare un’altra bella giornatina all’università, HipHop – e mi devo ricordare di dare il cd all’insegnante così mi mette le musiche – e GAG, tornare a casa, docciarmi, cucinare e mangiare, dormire e poi direi che ormai avete capito com’è l’andazzo anche senza che io continui la lista per tutta la settimana… 😉

Detto questo, adesso rileggo le mie quasi quattromila parole di intervento sul blog (prometto che il prima possibile aggiungo l’ultimo esercizio di scrittura creativa :D), lavo un paio di cose che sono d’uso comune e quindi non è giusto che le lasci sporche e poi vado a nanè.

Bisous ^_^

Creative Writing Exercise 2 – I didn’t actually understand what she asked us to write… So this is it!

Standard

There had been a storm the night before but on the following morning she went to the seaside anyway. Her house was just in front of the ocean and she could see its dark blue surface every time she sat in her comfortable sitting room. And yet, she was never tired of it. The ocean, the water, to her that was the origin of everything. Plants, animals, human beings. SHe felt water was her natural element. And she used to takeas walk eon the seashore every morning she spent there, no matter what the weather was like.
Since it had been so stormy the night before, the day apparently didn’t feel like waking up. The sky was grey and the colour of the water was not charming at all. It seemed like walking on a pool full of oil.
Yet, she could feel the difference. That was not oil at all. That was her beloved water, which healed her whenever she needed to be healed and which would never disappoint her – she was sure of about that.
She had got a phone call from her office very early in the morning. She had to come back on that very afternoon because everyone was going mad and they knew the only person who could solve the problem was her.
Yet, she also knew she could do nothing for her dear collegues just because she could do nothing for herself. Her life was a real mess. She worked all day at least six days a week and whenever she had the chance she just drove to the seaside to meet her dearest friend. Water. Even just for a couple of hours.
This time, she thought her pause could be longer because she was sure everything was right when she left the office on Thursday. It was Saturday. She was so taken aback that she could not even find a genuine excuse to say no. She just knew she wished she could stay on her own a bit longer. But no, she had to go.
“I’m coming back tomorrow” she said with a sad look to the water. And the ocean gently caressed her legs. She knew it had understood and wasn’t mad at her.